Joey DeFrancesco all’Alexander Platz

Definirlo un Mito del groove è poco: inesauribile e carico di mood.
Non sentivo un concerto così da qualche anno (anche se indubbiamente di recente me ne sono concessi pochi). Adoro il suo stile e la leggerezza che “nonostante i quintali che si porta appresso” è sempre un velo di vento che colora di note un momento di vita… Trascina con sè tutto quello che trova e quando suona lui il resto del mondo diventa un accessorio, quasi inutile a volte. In certi momenti sembra che abbia dieci mani; non prede un colpo MAI; spazza via musica come fossero acari di polvere; imprime il tempo come un orologio svizzero… sembra perfino che sia il tempo a doverlo inseguire a volte. E’ pazzesco. E’ un genio. Era tanto che non lo sentivo dal vivo e mi mancava. A Roma viene poco, ma stavolta l’ho pizzicato all’Alexander Platz: era una sera delle mie, di quelle rare, di quelle strane: una di quelle in cui l’unica cosa che ti passa per la testa è colmare di jazz tutto quello che si annacqua… stavo quasi per affogare.
Grazie Joey, se non c’eri tu…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...