Jo Library 2007

Letti nel 2007 dal più recente:

“I cento sensi segreti” di Amy Tan
Nei momenti di perdizione nell’Oriente ritrovo me stessa. Anch’io vivo in un mondo …Yin.
Qualche passo del libro sul mio blog…
* “Oceano Mare” di Alessandro Baricco
Questo libro ha per me un significato Speciale e il titolo che lo contraddistingue ha un Senso che, nel momento in cui l’ho letto, non avrebbe potuto rappresentare meglio la realtà delle cose. La fine di questa lettura ha dato un nuovo inizio a ciò che nella mia biblioteca l’ha fatta approdare e, comunque vada, l’Oceano Mare di Grandi Verità (che ne fanno un testo degno di un ripiano di cristallo) è quello che conta realmente
E’ talmente bello da non poter restare …solo luisenza parole.Qualche passo del libro sul mio blog…

“Sette tipi di ambiguità” di Elliot Perlman
Erano anni che non vedevo l’ora di finire un libro come questo. Morivo dalla voglia di uscire dalla confusissima tragedia narrativa di una storia semplice che arriva a complessarsi al punto da non essere più compresa. Probabilmente la stessa storia in 200 pagine invece di 700 sarebbe stata memorabile: di sicuro meno “confusa” e intrisa di perdite di filo che, in corso di lettura, sommergono un pavimento immaginario immenso sotto ad una… “matassa di spine fastidiose”.* “Il complotto contro l’America” di Philip Roth
Un romanzo autobiografico “fantasy” dove l’immaginazione e la storia reale si intrecciano in uno scenario che potrebbe narrar del vero. Roth è un narratore che sembra descrivere “al tatto” una condizione sociale storicamente incredibile (quella degli ebrei d’America vissuti tra la prima e la seconda guerra mondiale). Ho adulato e apprezzato tantissimo il suo modo di traferire al lettore, attraverso una parte di storia realmente accaduta, un set di riflessioni importanti e un grande “spunto di vista”. Bellissimo, trascinante e letterariamente davvero notevole. Sempre secondo me.

“Io uccido” di Giorgio Faletti
Mai letto un romanzo thriller, ma questo in effetti meritava.

“Il cerchio della ragione” di Amitav Ghosh
Un esubero brillante dei colori, dei profumi e dei paesaggi dell’India, attraverso le avventure di Alu: è un libro ricco di personaggi forti e combattivi, in un’atmosfera delirante di aspettative calzate in un mondo indiano quasi privo di risorse e poverissimo. Il “Ghoshiano” non è facile da digerire, bisogna sempre “prenderci la mano” per entrare nel tema, ma una volta calati nella parte è un libro appassionante.

*
“Lezioni spirituali per giovani samurai” di Yukio Mishima
Se si è soggetti al fascino della cultura orientale, in tutte le sue forme e manifestazioni, Mishima è sempre una pietra miliare del “pensare orientale”, di quel “vero oriente” di cui esiste ormai ben poco. E’ un testo duro, crudo e decisamente pessimista, per certi versi, ma di un coraggio introspettivo quasi unico: un lavaggio del cervello per chi ogni tanto sente la necessità di guardarsi dentro dimenticando completamente di essere in possesso di quel “fuori” che apparentemente tutto può…
Qualche passo del libro sul mio blog…* “Come io vedo il mondo” di Albert Einstein
Incommentabile. E’ il testo che ha ispirato il titolo del mio blog. Che altro dire?“Il posto che cercavo” di Nicholas Sparks
Mi avevano talmente parlato del genio Sparks che ho deciso di leggerne almeno uno. Se non mi è sfuggito niente, oserei definirlo: banale, scontato, superfluo e… inutile. Sarà pure un bravo sceneggiatore, ma LetterariaMente non dovrebbe fare sforzi vani, almeno per quanto mi riguarda.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...