IOR: i veleni, i sospetti, la svolta.

di Alberto Bobbio – 2 Luglio 2013

Si sono dimessi per il bene della banca e per il bene della Santa Sede. E l’hanno deciso loro, naturalmente. Il linguaggio del comunicato della Sala stampa della Santa Sede che annuncia le dimissioni del direttore generale dello Ior, Paolo Cipriani, e del suo vice, Massimo Tulli, salva la forma, ma interviene pesantemente sulla sostanza. È una scossa per lo Ior. L’ennesima. E sicuramente non sarà l’ultima. Lo scenario adesso è davvero inquietante.


Perché improvvisamente alle nove della sera di lunedì 1 luglio il vertice del management lascia il posto così repentinamente? Bisogna tornare indietro di qualche mese quando il Rapporto annuale dell’autorità di informazione finanziaria, l’organo di controllo dello Ior, presieduto dal cardinale Attilio Nicora, rivela che vi sono alcune operazioni sospette su alcuni conti della banca vaticana. Si indaga tra le pieghe dello Ior e l’operazione viene eseguita dagli 007 della Promontory, una società americana al vertice mondiale delle aziende di advisory finanziario, quelle che scandagliano i documenti e valutano i rischi delle banche e delle finanziarie, chiamati a scovare i guai dello Ior dal nuovo presidente il tedesco Ernest von Freyberg, nominato da Benedetto XVI pochi giorni prima di lasciare l’ufficio di Sommo pontefice.

Ma l’indagine parte da più lontano e quello che trovano i consulenti americani è solo la punta dell’iceberg. Bisogna risalire al 2010, al tempo della presidenza di Ettore Gotti Tedeschi. Cipriani era delegato insieme al presidente ad effettuare le movimentazioni e dallo Ior escono due bonifici per complessivi 23 milioni di euro che transitano su un conto del Credito Artigiano per finire sula sede di Monaco della Jp Morgan, banca d’affari americana. Dal Credito Artigiano parte una segnalazione alla Banca d’Italia e gli investigatori di Bankitalia bloccano la somma. Finiscono indagati per riciclaggio Ettore Gotti Tedeschi e Cipriani. Indagano anche le Fiamme Gialle e scoprono una serie di illeciti.

I problemi dello Ior, gli ultimi in ordine di tempo dopo anni di cose inquietanti, nascono tutte la lì, dall’operazione 23 milioni, la madre di tutte le indagini sullo Ior. Da allora è una valanga. Ma Cipriani, pur indagato rimane al suo posto, mentre Gotti Tedeschi dopo due anni si dimette tra le polemiche. Le indagini interne tuttavia continuano. Anzi,  si fanno più fitte con l’arrivo degli americani di Promontory. E’ gente che non guarda in faccia nessuno, nemmeno i monsignori. La regola imposta dal nuovo presidente tedesco e da Benedetto XVI è quella della tolleranza zero.

Ma non è facile, le resistenze sono molte. A nessuno piace che si guardi in casa propria con tanta attenzione. Con l’elezione di Papa Francesco le cose si fanno più stringenti. E quando Bergoglio nomina la “Pontificia commissione referente” in pratica una commissione con ampli poteri speciali di inchiesto sullo Ior che deve riferire solo al Papa, la misura è colma. Ma c’è anche un altro fatto nuovo e cioè l’arresto di monsignor Nunzio Scarano, il funzionario vaticano dell’Apsa indagato dai magistrati di Salerno che seguono la pista di una brutta storia di evasione fiscali e capitali all’estero. Monsignor Scarano è arrestato insieme ad un ex-007 italiano e ad un broker. Possibile che nessuno si sia accorto di niente? E chi ha autorizzato le movimentazioni di centinaia di migliaia di euro molto sospette? Le indagini continuano: sia quelle interne al Vaticano, sia quelle tra Italia e Svizzera delle autorità italiane.

Ma per il bene della banca e della Santa Sede è meglio che i vertici tecnici dello Ior facciano un passo indietro. E quello che avviene la sera del 1 luglio. Il posto di Cipariani è preso ad interim dal presidente tedesco della banca, mentre quello di vice è finito ad uno dei funzionari di quella Promontory che ha rivoltato la banca e ha messo gli occhi sui venti mila conti che ospita, compresi quello sospetti. La stessa cosa accade per il posto di capo dell’ufficio rischi, luogo strategico dove girano i soldi.

Fonte: Famiglia Cristiana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...