Giorno 5

Volto lo sguardo altrove per rifuggire dal tuo morbido sentire e fulgida e lucente mi allontano temendo il morso velenoso di un serpente. Stridulo è il rumore del pensiero che, annidandosi in me, vivifica il tuo siero e rossa come il sangue è la passione che preme sul mio collo una impressione. Nel battito orientale del mio cuore sussulta e si dimena con ardore quel tenero e virile decantare di sospiri e parole tutte da baciare. Un brivido nostalgico di paura e sintonia ogni mio verso per te accompagna e porta via, nella calda e dolcissima speranza che tutto non rimanga in questa stanza. Nelle camere dell’animo nascosto una geisha difende un desiderio ad ogni costo e nell’atrio illuminato del suo sguardo più lontano nulla può lasciare la sua mano. Vento di pazienza e piogge di eleganza animeranno a lungo questa nuova danza dove il verbo è primo all’io soggetto in ciò che il cuore segna di getto, sperperando amore e gioia dove non esisterà mai noia…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...