Io, divorziato risposato, salvato dalla misericordia della Chiesa.

di Federico Catani, 16 Ottobre 2014

 

Le discussioni che si stanno tenendo al Sinodo straordinario voluto da Papa Francesco per dibattere sui principali problemi della famiglia sono alquanto sconvolgenti. Dai giornali e dai briefing di padre Lombardi, emerge un quadro desolante. Sono infatti davvero tanti gli interventi dei padri sinodali che, seppur con un linguaggio spesso ambiguo, lasciano intendere la loro volontà di cedere ai desiderata del mondo laico e relativista in tema di divorzio, contraccezione e omosessualità. Sembra sia arrivato il momento di liquidare il grande insegnamento di Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Il che sarebbe non solo un tradimento del Magistero perenne della Chiesa, ma anche del Concilio Vaticano II, che i vari cardinali Kasper e compagnia dicono di voler seguire. A sentire certi alti prelati, la Chiesa finora non avrebbe mai mostrato misericordia e accoglienza verso chi sbaglia. Ma è vero tutto ciò? La Chiesa ha davvero insegnato il falso e imposto una disciplina senza pietà? Per capirlo occorre basarsi sui fatti ed è per questo che abbiamo intervistato Luigi (nome di fantasia per tutelarne la privacy), un cattolico vero, militante, addirittura tradizionalista e che in tema di matrimonio e famiglia ha fatto i suoi errori.

Caro Luigi, puoi raccontarci la tua storia?
Sono nato nel 1970. Mi sono sposato nel 1991, separato nel 1996 e divorziato nel 1998 dopo aver avuto due figli. Posso dire che per tutti gli anni ’90 sono vissuto nelle periferie della fede. Andando a Messa sempre di meno e tralasciando ogni dovere cristiano.
Nel 1999, mi sono rimesso “in cammino” come dice Papa Francesco. Un cammino che mi ha portato a una confessione generale all’inizio del 2000. Mi trovavo in Cile e la scoperta di una pietà popolare finora a me sconosciuta – statue fiorite, edicole sacre illuminate da candeline, processioni pubbliche, ecc. – mi ha spinto a tornare a Messa. Stranamente, mentre faticavo a imparare lo spagnolo locale, ho capito tutta un’omelia che parlava della penitenza necessaria per accedere alla misericordia di Dio. Mi restavano pochi giorni prima di tornare in Europa e temevo di perdere lo slancio salvifico che mi aveva preso se avessi aspettato di rientrare a casa per confessarmi. Avevo tuttavia un problema, quello della lingua. Mi dovevo confessare nella mia lingua. Ed è così che mi sono ritrovato una domenica sera nel priorato della Fraternità San Pio X a Santiago del Cile. Non mi spaventava l’idea di andare “dai lefebvriani”, perché li avevo conosciuti nella mia gioventù. Come penitenza, il sacerdote mi ha chiesto di fare gli esercizi spirituali di Sant’Ignazio.
Solo qualche mese dopo il mondo mi ha lasciato compiere la penitenza. Durante quelle settimane di confessioni incomplete, sono tornato a Messa ogni domenica esercitandomi a praticare la comunione di desiderio. Fino agli esercizi spirituali pensavo d’altronde di essere in una condizione – quella di divorziato – che mi vietava per sempre l’accesso alla comunione sacramentale. Devo dire che quando il prete (sempre della FSSPX) mi ha spiegato che non era così e che il cammino della Santa Comunione mi era di nuovo aperto finché mi fossi impegnato a vivere in stato di grazia – cioè vivendo da sposo anche se divorziato – la mia anima si è riempita di gioia e di gratitudine. Ancora oggi fatico a capire come mai il Signore possa essere così generoso!
Dal 2000 al 2008, ho praticato ben sei volte gli esercizi spirituali. Sempre dalla FSSPX.
E’ dunque con l’aiuto di preti catalogati come “ultras” che ho affrontato un grave caso di coscienza visto che, nel 2005, una delle mie amiche mi ha fatto capire che era più di un amica per me e che, dunque, voleva sapere se potevo offrirgli più della mia amicizia. Avevo sentito parlare più volte della possibilità di chiedere l’esame canonico della validità del mio matrimonio, ma l’avevo sempre scartata pensando che il Signore mi volesse penitente per tutto il resto della mia vita. Tuttavia, questa volta ho deciso di parlarne con il mio confessore (sempre della FSSPX), il quale mi ha detto che la Chiesa prevedeva tale possibilità e che, se pensavo nel fondo della mia anima che la richiesta fosse fondata, potevo perfettamente avviare la procedura. “Basta –  mi disse – che tu sia pronto ad accettare il verdetto della Chiesa, quale che sia. E che tu ti attenga a vivere da sposo e non da fidanzato fino alla chiusura del processo.”
Non vi racconto le vicissitudini attraversate dal 2006, quando ho bussato per la prima volta alla porta di un avvocato diocesano, al 2009, quando ho avuto la conferma della nullità del mio matrimonio. Dovete sapere tuttavia che vivere come mi aveva raccomandato il mio confessore è stato molto difficile, visto che la vita della mia “non fidanzata” era condizionata dalla mia scelta. Di fatto, significava non vederci più. Vivevamo a 1000 chilometri di distanza, il che limita le tentazioni ma aumenta anche le incertezze. Sopratutto per lei, il cui destino si ritrovava sospesa a una decisione sulla quale non aveva potere. Io, intanto, mi affidavo al mio confessore e agli esercizi di Sant’Ignazio.
Quando mi è giunta la buona notizia, il mio confessore (sempre della FSSPX) mi ha chiesto di presentargli la mia ormai fidanzata (che sapeva ben poco della FSSPX se non che erano degli “ultras”). E’ venuta da me e ci siamo recati tutti e due da lui con qualche ansia nello stomaco. Lui, col sorriso sule labbra e in fondo al cuore, ci ha invitato a sposarci “al più presto, ormai” ma prima ha chiesto a lei se aveva ben capito che stava per rischiare l’ergastolo – anzi, ha detto “la perpetuità” – aggiungendo che io, ormai, l’avevo per forza capito. Fu una bella giornata! Qualche mese dopo ci sposammo, nella liturgia antica così come l’aveva permesso Papa Benedetto XVI.
Insomma, sono un divorziato risposato che si comunica ogni domenica (o quasi, rimango comunque un peccatore accanito!), in pieno accordo con le leggi della Chiesa e grazie alla guida spirituale di almeno tre sacerdoti della Fraternità San Pio X.

 

Hai mai sentito la Chiesa distante e troppo arroccata su dure posizioni dottrinali? Hai dei rimproveri da fare oppure dei ringraziamenti da esprimere?
Dei rimproveri? Sarei ingrato. Dei ringraziamenti? E’ Cristo che ringrazio. Il Figlio di Dio fatto uomo per amore per noi, al punto di guadagnarci la salvezza eterna sul legno della Croce. Cristo che ci ha lasciato la Sua Madre come mediatrice universale e la Sua Chiesa come istituzione soprannaturale benché composta di peccatori.
Tuttavia, se invece di incontrare la carità pastorale della FSSPX, mi fossi presentato nella mia diocesi, chissà se avrei seguito lo stesso iter? Vedo tanti amici alle prese con situazioni purtroppo analoghe che non sono giunti alla stessa conclusione. Penso a uno al quale è stato chiesto di partecipare ai corsi prematrimoniali della parrocchia per “raccontare alle giovani coppie la sua esperienza”. Lui, che conviveva con una donna divorziata, e si sapeva e si sentiva peccatore, non ha capito come poteva servire d’esempio ad altri. La Provvidenza ha voluto che, anni dopo, morisse il marito di lei e si sono finalmente sposati lo scorso inverno ma di sicuro non grazie al loro parroco.

 

Vista la tua esperienza, come stai vivendo il dibattito che si sta facendo in questi giorni di Sinodo?
Ero molto sereno. Perché Papa Francesco mi piace. Quello di Santa Marta intendo, quello che parla al popolo cristiano. L’altro, quello che parla ai media, non lo seguo. Visto che il Sinodo mi sembrava un evento rivolto al popolo cristiano, in questo periodo così tormentato per le famiglie di tutto il mondo, non ero preoccupato. Mi sa che mi sono sbagliato e che, purtroppo, si stia facendo un Sinodo per i media. Dalla pubblicazione, lunedì, della “Relatio”, ho deciso di non seguirlo più. Per preservare la mia fede e quella della mia famiglia.

 

Avresti dei suggerimenti da dare, come cattolico, marito e padre ai vescovi che partecipano al Sinodo?
Di aprire gli occhi e le orecchie! Da quando la Chiesa pretende di parlare come il mondo, le vocazioni crollano e le chiese si svuotano. Chi ha una fede tiepida ha bisogno di scaldarla ogni domenica alla fornace ardente di carità che è il mistero dell’Eucaristia per (ri)trovare la forza di entrare in confessionale e di sentirsi dire “va’ e non peccare più” e non “va’ e non ti preoccupare che saremo tutti salvati”. Chi, invece, ha la grazia di una fede ardente, crede nella redenzione, ma sa che essa passa solo dalla penitenza. Dunque, quando viene meno la penitenza, addirittura quando sparisce perfino il senso del peccato, egli è tentato di mandare tutto per aria o, peggio, di rivolgersi ad una religione più esigente e più esplicita: basta vedere le tante conversioni all’evangelismo pentecostale da una parte e all’islam dall’altra.

Cari prelati, tutti i discepoli di Sant’Ignazio sanno che non ci sono che due stendardi: quello di Cristo che ci chiama alla Gerusalemme celeste e quello di Lucifero che ci vuole servi di Babilonia. Vi sembra il momento di cambiare bandiera?

Fonte: Campari & De Maistre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...