Diceva Paolo VI: “Risanare le inclinazioni inumane del cuore dell’uomo”

di Redazione, 17 Settembre 2013

«Occorre far leva sulle capacità spirituali e morali della persona e sull’esigenza della conversione interiore, per ottenere cambiamenti sociali che siano realmente a suo servizio. La priorità riconosciuta alla conversione del cuore non elimina anzi impone l’obbligo di apportare alle istituzioni e alle condizioni di vita i risanamenti opportuni». (Catechismo 1888)
Soggetta alla transitorietà di progetti e soluzioni e a domande di trasformazioni, ogni istituzione sociale e politica avanza esigenze di correttivi e riforme. Nessuna istituzione è perfetta, nessuna soluzione è definitiva: c’è bisogno d’innovazione. I cambiamenti avvengono fuori: prendono corpo in strutture, istituzioni e funzioni umanamente controllabili. Così che incidendo su di esse, si possono realizzare i necessari mutamenti. C’è chi esaspera questo convincimento, passando dalle vie democratiche d’innovazione alle vie radicali. Queste vanno riprovate e respinte, perché la convivenza pacifica non tollera l’eversione e la rivolta. Innovazioni e cambiamenti vanno decisi e attuati con il confronto e il contributo democratico delle parti.
È illusorio però pensare all’innovazione e al progresso sociale per mera trasformazione di organismi, assetti e ordinamenti, attraverso tecniche d’ingegneria politica. «La convivenza umana – osservava Giovanni Paolo II – deve essere considerata anzitutto come un fatto spirituale», legata quindi al conoscere e al volere delle persone, dai cui atti liberi dipende l’ordine sociale. Motivo per cui ogni riforma comincia da se stessi, dal proprio rinnovamento interiore. «La Chiesa – avvertiva Paolo VI – reputa certamente importante e urgente edificare strutture più umane, più giuste, più rispettose dei diritti della persona, meno oppressive e meno coercitive, ma è cosciente che le migliori strutture, i sistemi meglio idealizzati diventano presto inumani se le inclinazioni inumane del cuore dell’uomo non sono risanate, se non c’è una conversione del cuore e della mente di coloro che vivono in queste strutture o le dominano». I cristiani si adoperano insieme per la conversione dei cuori e il miglioramento delle strutture.

Fonte: Avvenire

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...